domenica 24 settembre 2017

Arrivano i... mostri



In alcuni vecchi western le cose erano semplici, molto più semplici. Quando buttava male e gli attori si ritrovavano a un paio di frecce dalla fossa, dal nulla sbucava la cavalleria che metteva in fuga gli indiani con qualche squillo di tromba e una manciata di spari in aria.
Il resto della pellicola serviva a infilarci in testa il “e vissero tutti felici e contenti” e secondo l’adagio di Shakespeariana memoria “tutto è bene quel che finisce bene.”
Chissà quanti di noi, dopo aver visto la scritta The End, pur senza un cappellaccio e una Colt Navy, si sono sentiti accerchiati dalla vita. Chiaro, c’era chi si dava da fare con la sei colpi e chi aspettava l’arrivo dei soldati a cavallo ma tutti avevano la speranza di riuscire a cavarsela.


Poi, qualcosa è cambiato.
È venuto fuori che i cowboy e tutti gli uomini bianchi in generale tanto bravi non erano. Così, da Soldato blu in avanti, in quei film quelli accerchiati erano i cattivi, non i buoni.
Caspita, un bel cambiamento di prospettiva. Uno “studiato” vi direbbe che è cambiato paradigma, nuove verità storiche sono emerse e quei lungometraggi servivano a sostenere il ruolo dei buoni degli americani nella Seconda Guerra Mondiale, erano propaganda, mentre Soldato blu era una critica – nemmeno tanto velata – al ‘Nam e al ruolo americano nel sud est asiatico.
Va tutto bene, ma noi siamo degli Apache o delle Giacche Blu?


Prima di rispondere, calcolate che gli Indiani d’America ormai sono pochi e vivono confinati dentro alle riserve.
Insomma, non ci sono molti posti disponibili tra i “giusti”.
Che ci piaccia o meno, dovremmo finire tra le file dei cattivi e lottare sino all’ultimo respiro per arrivare in alto e non essere solo carne da macello.
Già perché il potere odora di sangue e attira squali e mostri di ogni genere.
Questo lo sanno bene il Nero, L’inglese e Bimbo, meglio conosciuti come I Lupi di Roma e sono i protagonisti principali di Caput Mundi – Città di Lupi, un albo a fumetti nato da un’idea di Roberto Recchioni e pubblicato da Editoriale Cosmo.


Si tratta del primo numero di sei che ha il compito di presentare nuovi personaggi e creare un universo condiviso che si amplierà in altre testate singole. Un progetto ambizioso che, a quanto ho potuto leggere, è partito molto bene.
I Lupi non sono degli eroi, ma tre criminali di piccolo taglio che in seguito a un lavoro su commissione riescono a racimolare un po’ di grana. Soldi che farebbero comodo a Greta - capo di un’altra batteria criminale –  per rubare allo Sceriffo gli incassi delle piazze di spaccio.
Città di lupi è una storia pulp, dai toni e dalle atmosfere degne di Gomorra e Romanzo Criminale ma con una piacevolissima spruzzata di Dal tramonto all’alba. Fin da subito il lettore è immerso nella frenesia di una rapina in cui tutto va a puttane e, prima che venga calato il sipario, parte un flashback che ci porta a conoscere la loro storia.


La sceneggiatura di Michele Monteleone e Dario Sicchi non conosce tempi morti, non procede mai con il freno a mano tirato e Pietrantonio Bruno, con un tratto asciutto ed essenziale, non aggiunge nulla di superfluo e rende più dinamica una storia ad alto tasso di adrenalina.
Anticipata sin dalla copertina, la presenza del Vampiro Pietro Battaglia si fa sentire e, pur essendo un comprimario, è il nucleo attorno al quale ruota il destino dell’Urbe Eterna.


Creato da Roberto Recchioni, per chi ancora non conoscesse Pietro Battaglia, è un vampiro nato tra le trincee della Prima Guerra Mondiale e che si è ritrovato coinvolto in tutti i fatti oscuri della storia italiana. Una presenza degna dei romanzi di Macchiavelli, Genna e Sarasso.
Giusto per citare qualche nome. Detto questo, andate in edicola e non perdete l’occasione di fare una buona lettura.
Posta un commento